Robot Piscina. Consigli per l'uso e soluzioni a problemi

 Robot Pulitore Zenit 

                                                 Robot per piscina


Un valido aiuto , potremmo dire quasi indispensabile, nella manutenzione della vostra Piscina è il Robot Pulitore per Piscina. Il mercato per questo prodotto propone diverse soluzioni. Diverse misure di lunghezza del cavo, per soddisfare esigenze di diverse misure di piscina, almeno due tipi di spazzole , Kanebo ( per rivestimenti in ceramica o mosaico) o in plastica ( per rivestimenti in PVC). Diverse sono anche le offerte relative al materiale filtrante posto al loro interno. Sacchetti in cotone ( lavabili anche in lavatrice) cartucce o filtri retati in materiale plastico. Per quello che riguarda il cavo di alimentazione alcuni modelli propongono lo "swivel" particolare snodo posto sul cavo stesso che ne impedisce l'attorcigliamento durante le fasi di lavoro del pulitore. Alcuni modelli possono essere dotati di luci, più che altro un soluzione di design, che possono aiutare a "trovare" il robot durante le fasi di pulizia notturna. Quasi tutti i modelli sono poi dotati di pratico carrello su cui riporre il pulitore, il trasformatore ed il cavo. In questo modo si avrà tutto ordinato in un solo punto e lo si potrà riporre ove si vuole senza problemi. Dato che la tecnologia ha fatto passi da gigante, anche i pulitori per piscina beneficiano di questo. Gli ultimi modelli hanno infatti la possibilità di essere comandati tramite app dal proprio smartphone. Esatto. Potete usare il vostro telefono come un telecomando e guidare il pulitore dove volete voi. Esistono inoltre Robot pulitori di varie forme e colori per soddisfare anche le esigenze di estetica. Andiamo ora ad analizzare alcuni consigli utili per l'utilizzo , e il "prolungamento" della vita dei vostri pulitori. Oltre anche alla soluzione dei problemi più comuni che si possono presentare. Consigli utili.




 Nuova Linea Pulitori Dolphin

 Pulitori dolphin

  • Quando si inserisce il pulitore in acqua si deve avere cura di "annegarlo". Ovvero far uscire tutta l'aria e farlo adagiare sul fondo
  • Se il pulitore è dotato di spazzole per ceramica aver cura di impregnarle di acqua in tutta la loro lunghezza.
  • Inserire il pulitore all'interno della piscina posizionandolo in un angolo della stessa.
  • Se il pulitore si dovesse fermare dentro alla buca tuffi, è necessario , prima della successiva accensione, estrarlo e farlo partire nella parte a fondo costante della piscina
  • Per estrarre il pulitore dall'acqua usare l'apposito gancio, ove presente, oppure aiutarsi con l'asta aspira-fango. Evitate di tirarlo per il cavo!
  • Una volta estratto il pulitore deve essere posizionato sul suo carrello. Se ne è sprovvisto va girato sotto sopra. Cioè con le spazzole verso l'alto. Questo per evitare che la sosta fuori dall'acqua le possa rovinare.
  • Il pulitore, e il trasformatore,  deve sostare all'ombra. Sopratutto nei mesi di grande caldo e sole.
  • I valori dell'acqua di piscina devono essere "di balneabilità". No pulitore durante il trattamento shock.
  • Temperatura di utilizzo. Deve essere compresa tra 12/34 °C. Molto importante per evitare problemi di trazione ed eventuali formazioni di condensa all'interno del motore



Robot con problemi Soluzioni più comuni

                                                          Pulitore con problemi 

  • Se il robot si ribalta spesso, controllate il cavo. Potrebbe essere troppo teso. allungare il cavo in acqua. Oppure potrebbe essere necessario sostituire i galleggianti. Ove presenti.
  • Il pulitore segnala "sacchetto pieno" anche se non lo è. Controllare il sacchetto filtrante, le sua trama potrebbe essere ostruita, dal calcare o da sporco che non si riesce ad eliminare. Sostituire il sacchetto.
  • Il pulitore si ferma spesso prima della normale fine del suo ciclo. Controllare il sacchetto o le cartucce filtranti. Fate una prova senza materiale filtrante. Controllate il trasformatore
  • Il pulitore non sale su per le pareti. Verificate la posizione del manico. Pareti troppo viscide per la presenza di alghe. Temperatura dell'acqua troppo bassa. Sistemare il manico/timone in modo che possa salire, eliminare manualmente le alghe, aspettare che la temperatura sia idonea.
  • Il pulitore "non gira" ( problema riscontrato di solito in quei robot che fanno solo il fondo). Verificare la presenza di entrambi i galleggianti, eventualmente toglierne uno.
  Insomma il pulitore è un valido aiuto, in piscine private medio grandi ( 5x10 o superiori) è quasi indispensabile, ed è bene avere alcuni piccoli accorgimenti per "allungare il suo ciclo di vita"   Un piccolo video di un pulitore...con qualche problema!!

   

By Massimo Fava Per Vannini Aqua & Pool sn

Copyright © 2020 Vannini Aqua & Pool S.n.c. - P.Iva 02814791204
Company Info | Privacy policy | Cookie policy

OrangePix - Web Agency a Biella